Mercoledì 22 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento 08:53
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi


Bologna, Asia-Usb promette di difendere ogni sfratto dalle case popolari: "Nessun inquilino rimarrà da solo"
A Bologna sono quasi 700 gli assegnatari di casa popolare che dovranno lasciare l'alloggio in base ai nuovi requisiti Erp. Ma non sara' cosi' facile, manda a dire il sindacato di base Asia-Usb: "Promettiamo sin da ora che difenderemo ogni sfratto, nessun inquilino rimarra' da solo". Secondo Asia, "cavalcando la scusa dei 'furbetti' si sta invece andando verso un progressivo smantellamento del diritto alla casa popolare, trasformandola in un welfare dei miserabili".

Invece le case popolari sono "un diritto inviolabile, sono state pagate dai lavoratori- scrive Asia- e dunque appartengono ai lavoratori, non ad Acer ne' tantomeno agli assessori regionali o comunali". Per contestare la "cosiddetta pratica dei furbetti- continua il sindacato- non e' assolutamente necessario avviare una vera e propria macelleria sociale che avra' come conseguenza solo ed unicamente un ulteriore aggravarsi della crisi sociale in atto". Per Asia, "basterebbe munirsi di adeguati strumenti di controllo", dei quali "Comune e Acer parlano da anni senza di fatto applicarli". Promette dunque Asia: "Non accetteremo che moltissimi inquilini con tutti i parametri in regola vengano cacciati dalle loro case mentre centinaia di alloggi Acer sono sfitti o murati". La sigla di categoria dell'Usb "continuera' a pretendere l'immediato ritiro di questa legge, la soluzione ai problemi abitativi non e' negli sfratti- conclude Asia- ma nell'ampliamento e assegnazione del patrimonio abitativo pubblico, su cui da subito le amministrazioni devono impegnarsi".

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi