Mercoledì 20 Giugno 2018 - Ultimo aggiornamento 08:06
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
In 10 anni di tagli alla Sanità pubblica, persi 70.000 posti letto
Con un rapporto di 3,7 per mille per abitante, contro il 6 della Francia e l'8 della Germania. La denuncia arriva dal Sindacato dei medici italiani, Smi, che si è riunito a Napoli per il Congresso nazionale.
"Tra le ragioni di questo declino, i tagli selvaggi, l'aziendalizzazione, il decentramento, le privatizzazioni - dice il segretario Pina Onotri". E aggiunge: "Le scelte politiche e amministrative in questo campo dovrebbero essere orientate non solo all'economia, ma soprattutto alla inviolabilità della dignità umana".
I numeri parlano da soli, indica lo Smi: "La riduzione dei posti letto con la crisi dei pronto soccorso e le scene da trincea sono solo la punta dell'iceberg. La realtà è che il lavoro in sanità è sempre più incerto. Nel Ssn il ricorso al precariato è cresciuto tra il 2014 e il 2015 di circa 3.500 unità per complessivi 43.763 lavoratori, tra cui 9.500 medici, 1500 solo in Sicilia". E ancora: "Il blocco del turnover dura da 10 anni, regalandoci una gamma fantasiosa di contratti che vanno dalle partite iva, cococo, cocopro e bruciando un'intera generazione di professionisti: il pubblico impiego in generale, ha perso qualcosa come 10 miliardi di massa salariale l'anno".
nel corso del convegno inoltre è stato ricordato che in un futuro molto vicino, il pensionamento del personale sanitario, e il mancato rimpiazzo, (19.000 medici generalisti e 55.000 specialisti), porterà "alla scomparsa dei servizi sanitari per i cittadini". Il sindaco ha quindi voluto ricordare i dati dell'Euro Index Consumer Health, dove l'Italia è al 22mo posto su 35 Paesi: "un vero crollo di 11 posizioni in 10 anni".
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi