Martedì 25 Febbraio 2020 - Ultimo aggiornamento 12:00
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
"Un servizio sanitario a misura di cittadino". Presentato a Roma il 22° Rapporto di Cittadinanzattiva-Tdm
«La vera battaglia sarà per la sburocratizzazione del Sistema Sanitario Nazionale affinché diventi davvero a misura del cittadino, intervenendo per facilitare l’accesso ai servizi ed eliminare i tanti costi derivanti ad esempio proprio dal labirinto burocratico»: a dirlo è Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva, commentando il 22° Rapporto PIT Salute di Cittadinanzattiva-Tribunale per i Diritti del Malato, dal quale emerge un Servizio Sanitario Nazionale con problemi rilevanti di costi, peso della burocrazia e accesso in una parte ancora significativa del Paese.

«Un Servizio Sanitario Nazionale con problemi rilevanti di costi, peso della burocrazia e accesso in una parte ancora significativa del Paese: aumentano, infatti, le segnalazioni per le attese, cui i cittadini hanno purtroppo imparato a rispondere mettendo mano alla tasca per pagare l’intramoenia o il privato, e aumentano le segnalazioni relative all’assistenza territoriale».
È questo il quadro che emerge rapporto, presentato a Roma nei giorni scorsi alla presenza del ministro della Salute Roberto Speranza, documento che fa riferimento a ben 21.416 segnalazioni dei cittadini alle sedi territoriali del Tribunale per i Diritti del Malato e ai Servizi PIT Salute locali.

«Certamente importante – sottolinea Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva – è stata la scelta di abolire il superticket [nella Legge di Bilancio in via di definizione è prevista l’abolizione, dal settembre 2020, del ticket sanitario regionale da 10 euro sulle impegnative, N.d.R.], così come alcune misure contenute nel Patto per la Salute, ovvero i nuovi fondi a disposizione e la possibilità di assumere nuovo personale che possa migliorare gli standard di erogazione e possibilmente contribuire alla riduzione delle liste di attesa. Emerge per altro come il vero tallone d’Achille sia il tema dei servizi territoriali, poiché non esistono modelli organizzativi definiti e standard che si possano far rispettare: su questo occorre intervenire immediatamente. Ed è decisivo che nei prossimi mesi si metta mano a quanto definito nel Patto in termini di organizzazione di questi servizi».
«Tuttavia – conclude Gaudioso – per noi la vera battaglia sarà per la sburocratizzazione del Sistema Sanitario Nazionale affinché diventi davvero a misura del cittadino, intervenendo per facilitare l’accesso ai servizi ed eliminare i tanti costi diretti e indiretti derivanti ad esempio proprio dal labirinto burocratico».

Il Rapporto, va ricordato in conclusione, è stato prodotto con il sostegno non condizionante della FNOPI (Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche), della FNOMCEO (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri), e della FOFI (Federazione Ordini Farmacisti Italiani).

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi