Sabato 20 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento 16:25
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Scuola, confermato lo sciopero del 17 maggio dopo l'incontro con Bussetti
'Non possiamo che confermare lo stato di agitazione e lo sciopero dell‘intero comparto che comprende scuola, università, ricerca e Afam per il prossimo 17 maggio'. Ha commenta così ieri, Francesco Sinopoli, segretario generale della Flc Cgil, dopo l'incontro con il titolare del dicastero dell'Istruzione, Marco Bussetti.

'Valutiamo favorevolmente l‘avvio del confronto, ma occorrono in tempi brevi scelte nette e precise per l‘istruzione e per il Paese e su questo siamo ancora ai preliminari. E‘ positivo – sottolinea Sinopoli - che il Ministro abbia annunciato le autorizzazioni per bandire i prossimi concorsi nella scuola primaria e secondaria, ma nessun impegno vero è stato preso in previsione del prossimo Documento di programmazione economica e finanziaria, riguardo gli investimenti necessari a fare dell‘i'struzione e della ricerca una priorità politica per lo sviluppo economico e democratico del Paese. Nessuna proposta risolutiva è stata presentata circa le tante emergenze che incombono sulla scuola: dalla fase transitoria per i docenti di II e III fascia, alla copertura posti vacanti dei Dsga fino ad una diversa politica sugli organici. Così come nessuna risposta è arrivata per gli altri settori del comparto'.
 
'La Flc Cgil- continua il dirigente sindacale - ha ribadito al Ministro il suo ―no‖ netto e chiaro all'autonomia differenziata e alla conseguente regionalizzazione dell'istruzione che sarebbe il primo passo verso la disintegrazione dello stato nazionale e farebbe venire meno i principi fondamentali della Costituzione sul diritto sociale all‘istruzione garantito in maniera uniforme e solidale su tutto il territorio nazionale'. 'Occorre uno stanziamento di risorse vero e credibile per il Contratto dei lavoratori del Comparto che sappia traguardare il trattamento stipendiale medio dei docenti e di tutte le altre professionalità dell‘istruzione al livello europeo'.
 
'Infine, perno di una rinnovata attenzione a tutto il comparto deve essere il superamento del precariato e la stabilizzazione del personale, che è il primo fattore dell‘innalzamento della qualità di questo settore strategico per il Paese. A nulla servono – conclude Sinopoli - gli interventi di controllo e di sanzione ventilati nei provvedimenti governativi quando si è privi di un piano di sviluppo della scuola, dell‘università e della ricerca che abbia al centro un grande programma di investimenti capace di colmare il divario tra l'Italia e il resto dei Paesi Ocse'. 

Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi