Martedì 21 Gennaio 2020 - Ultimo aggiornamento 11:29
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Scuola, la Flp-Cgil lancia un appello alla neoministra: "La scuola non è addestramento. Intervenire nelle aree svantaggiate"
"La ministra Azzolina e il ministro Manfredi abbiano il coraggio e la consapevolezza di sapere che viviamo un'autentica emergenza. In tempi di minacciata autonomia differenziata la Scuola e l'Università hanno principalmente bisogno di essere più forti e più presenti lì dove il contesto è più deprivato: più strumenti, più personale, più tempo scuola, maggiori finanziamenti al sistema dell'istruzione possono essere la risposta alle complicate condizioni economiche e sociali del nostro Paese". Lo dichiara Francesco Sinopoli, segretario Generale della Flc Cgil, a commento dei dati diffusi nei giorni scorsi dall'ufficio studi della Cgia di Mestre relativamente alla dispersione scolastica.
"Questi dati rappresentano, ancora una volta, la mancanza di progettualità dei decisori politici, che per anni - aggiunge - non hanno saputo o non hanno voluto leggere tutte le rilevazioni effettuate sul sistema scolastico. Sulla Scuola, sull'Università, sulla Ricerca è necessario un forte investimento che ne colmi le macroscopiche disuguaglianze, sapendo che l'istruzione non è addestramento, che le professionalità di oggi saranno obsolete già domani e che la capacità di comprendere la realtà, di saperla criticare e cambiare sono le caratteristiche principali di un cittadino responsabile, ancor più che di un lavoratore efficace".
"Come ci ricorda la Cgia di Mestre - osserva ancora il segretario generale della Flc Cgil - le cause che determinano l'abbandono scolastico sono principalmente culturali, sociali ed economiche: i ragazzi che provengono da ambienti socialmente svantaggiati e da famiglie con uno scarso livello di istruzione hanno maggiori probabilità di abbandonare la scuola prima di aver completato il percorso di studi".
Dona il tuo 5x1000 a controlacrisi