Domenica 18 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento 12:48
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
Torino: 12mila firme contro la privatizzazione
01/12/2009 12:42 | AMBIENTE - PIEMONTE | Fonte: vitaSaranno presentate domani in municipio A Torino non ci stanno. La prospettiva di privatizzare ulteriormente il servizio idrico non piace ai cittadini del capoluogo piemontese, che si preparano a far sentire la loro voce. Attraverso il Comitato provinciale Acqua pubblica che ha raccolto 12mila firme per chiedere la modifica dello statuto comunale (le presenterà domani alle 11 nel corso di una conferenza stampa, nella Sala Capigruppo del Comune, piazza Palazzo di Città). «Il nostro obiettivo», spiega a Vita.it Simona Bombieri, «è che si...
Clima, Ue: promesse su tagli non sono abbastanza per accordo
Clima, Ue: promesse su tagli non sono abbastanza per accordo NANCHINO, Cina (Reuters) - Le proposte per la riduzione delle emissioni di gas serra dei Paesi che parteciperanno alla conferenza sul clima di Copenaghen non sono abbastanza ambiziose. Lo ha detto oggi il premier svedese Fredrik Reinfeldt, il...

PROTEZIONE CIVILE: CGIL, GOVERNO STA PER VARARE MANOVRA DEVASTANTE
(IRIS) - ROMA, 26 NOV - Secondo la Cgil, il governo si appresterebbe a varare con decreto legge, "senza copertura finanziaria", relativo all'emergenza rifiuti in Campania e alla fase post-emergenza in Abruzzo, l'affidamento delle "attività strumentali della Protezione Civile a una Spa pubblica, con azionista unico la Presidenza del Consiglio dei Ministri e secondo le 'direttive operative'...

Per un'economia sostenibile il mondo delle aziende si tinge di verde
Roma, 26 nov. - (Adnkronos) - Un comportamento. Uno stile di vita. Ma anche una straordinaria opportunita' di creare nuovi posti di lavoro. La Green economy, cioe' l'economia 'verde', motore di uno sviluppo sostenibile e sensibile al rispetto dell'ambiente, e' ovunque. Ed e' utilizzata nelle sue piu' diverse declinazioni, anche perche' il rapporto di noi tutti rispetto all'ambiente sta cambiando...

clima: cina, nel 2020 taglio 40-45% c02 su 2005
La Cina tagliera' entro il 2020 del 40-45 per cento l'intensita' di emissioni di diossido di carbonio (per unita' di Pil) rispetto ai livelli del 2005. Lo riferisce l'agenzia Xinhua. Si tratta della prima volta che il gigante asiatico mette nero su bianco una proposta per contribuire al calo delle emissioni di gas responsabili dell'effetto serra.

Per un'industria della mobilità, non dell'auto
Una «industria della mobilità» in alternativa a quella dell’auto: è la strategia lungimirante proposta da Gaetano Lamanna, Spi Cgil nazionale. Rassegna sindacale ha pubblicato dieci giorni fa il suo articolo «L’auto insostenibile», dove si legge «E’ tempo che un sindacato confederale quale è la Cgil affronti la crisi della mobilità urbana… in un’ottica nuova e attenta ai...

Clima: pianeta vicino alla crisi
(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Il rischio catastrofe da cambiamenti climatici tra soli 40 anni potrebbe superare la fantasia, se non si corre ai ripari entro il 2015. L'allarme e' contenuto nel rapporto Wwf-Allianz. Sono 136 le citta' portuali del mondo che rischiano gravi danni per l'innalzamento del mare. Senza un'azione immediata e' probabile che la siccita' in California, il blocco del monsone...

VERTICE DI COPENAGHEN: 65 CAPI HANNO ACCETTATO L'INVITO AL SUMMIT
(IRIS) - ROMA, 22 NOV - Dei 191 Paesi invitati al vertice Onu del 7 dicembre a Copenaghen, 65 capi di Stato e di governo hanno confermato la loro presenza al summit sul clima. Lo ha reso noto il primo ministro danese Lars Loekke Rasmussen. Tra i 'si', quelli di Australia, Brasile, Germania, Francia, Gb,  che hanno 'risposto positivamente' all'invito della Danimarca. Secondo quanto riporta il...

Ma i beni pubblici di chi sono?
Il Governo privatizza l’acqua. Non è un bene di tutti, non è una risorsa primaria. Quando si rubano acqua ed aria si ha il furto di Stato ed il messaggio è chiaro: la sete la debbono governare le multinazionali. Coloro i quali hanno il governo dell’economia decidano sulla vita e la morte delle persone. Ancora una volta il Governo approva una legge in violazione della normativa europea, come avevo...

1 dicembre - Manifestazione a Messina - I soldi del ponte per la sicurezza del territorio!
La Rete No Ponte da anni si oppone, in tutte le sedi e con i più vari mezzi (documentazione scientifica, dibattiti, campeggi, volantinaggi, manifestazioni sempre più partecipate) alla progettazione e realizzazione del cosiddetto manufatto stabile sullo Stretto, per l'ingentissimo spreco di risorse che ha già inutilmente sperperato e ancor più sperpererà, per la devastazione ambientale e il...

Inizio Prec. 202 203 204 205 206 207 208 209 Succ. Fine