Sabato 07 Dicembre 2019 - Ultimo aggiornamento 23:51
MioGiornale.com
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
I palestinesi nella gabbia di Gaza abbandonati nelle mani di Netanyahu
Se i curdi sono soli, i palestinesi sulla scena internazionale lo sono ancora di più. Chiusi nella gabbia dell’occupazione israeliana di Gaza sono stati lasciati alle cure sanguinarie del domatore Netanyahu che ha avuto buon gioco a farli materialmente a pezzi e a dividerli politicamente. È lui che sulla lavagna segna, di volta in volta, i buoni e cattivi – Hamas adesso è tra i buoni, il Jihad islamico tra i cattivi – con un criterio che risponde non più come un tempo soltanto a logiche securitarie e repressive ma a quelle del suo tornaconto...
Lega e Cinque Stelle, le basi economiche del voto
L’analisi del voto nel periodo che va dal 1994 al 2018 evidenzia come le disuguaglianze abbiano un peso rilevante sui comportamenti elettorali. Il voto alla Lega è legato all’impoverimento delle classi medie, quello ai Cinque Stelle all’aumento di povertà e precarietà. Le elezioni regionali del gennaio prossimo in Emilia Romagna e Calabria saranno una prova...

Brasile, il commando di Guaidò lascia la sede dell'Ambasciata del Venezuela
Un gruppo di simpatizzanti di Juan Guaidò - il presidente del Parlamento di Caracas che si è proclamato presidente venezuelano - che aveva occupato l'ambasciata del Venezuela a Brasilia ha lasciato la sede diplomatica senza incidenti. Agenti della polizia brasiliana hanno accompagnato 14 persone che erano entrate nell'ambasciata in mattinata, apparentemente per prendere il controllo...

Nei bombardamenti israeliani sono stati uccisi 32 palestinesi
Nei bombardamenti seguiti all'uccisione a Gaza del comandante militare della Jihad islamica Baha Abu al-Ata martedì scorso, sono rimasti uccisi 32 palestinesi (lui incluso) e ne sono stati feriti altri 100. Lo aggiorna stamane il ministero della Sanità di Gaza. Questo bilancio include sei membri della stessa famiglia - fra cui due donne - che sono rimasti uccisi questa notte a Deir... di REDAZIONE

Bolivia, golpe dell’oligarchia bianca e forze armate con la connivenza USA
È un colpo di stato fascista quello che ha costretto alle dimissioni e alla fuga il presidente boliviano Evo Morales. Un colpo di stato d’estrema destra orchestrato da una destra populista, bianca e oligarchica, con la connivenza aperta degli Stati uniti. Come ben racconta l’ inchiesta «The Us embassy in La Paz continues carrying out covert actions in Bolivia to support... di ROBERTO LIVI

Prc-SE: contro il golpe in Bolivia!
Sono mesi, se non anni, che l’oligarchia bianca, appoggiata dagli Stati Uniti, prepara un golpe civico-militare contro Evo Morales. Oggi ci sono riusciti costringendo il legittimo Presidente Evo Morales a rinunciare, nonostante avesse vinto legittimamente le ultime elezioni. Evo ha rinunciato per evitare ulteriori spargimenti di sangue, pacificare il Paese, bloccare le violenze fasciste,...

Lula, il sindacato internazionale saluta la sua liberazione
L'ITUC, la Confederazione internazionale dei sindacati, ha accolto con favore la liberazione dell'ex presidente brasiliano Lula dal carcere e ha chiesto la fine della persecuzione giudiziaria nei confronti di lui e di altri politici progressisti. Lula è stato rilasciato dopo 580 giorni di carcere quando la Corte Suprema del paese ha deciso di rispettare la Costituzione annullando la... di FABRIZIO SALVATORI

"Un mercato del lavoro a misura di capitalismo. E un welfare scarnificato che serve solo ad aumentare il potere di ricatto". Il Domenicale di Controlacrisi, a cura di Federico Giusti
Negli ultimi anni hanno distrutto a colpi di decreti legge la giurisprudenza in materia di lavoro, anzi l'hanno riscritta ad uso e consumo dei padroni, spesso e volentieri in ossequio alle normative europee. Potremmo parlare della liberalizzazione del settore aereo con appalti spezzatino e privatizzazioni che hanno distrutto tanti posti di lavoro costringendo perfino le associazioni datoriali a... di FEDERICO GIUSTI

La strana storia del Fondo di solidarietà comunale
La riforma costituzionale del 2001 sull’autonomia finanziaria degli enti territoriali sta avendo un’applicazione del tutto incongrua, sfavorendo i Comuni meridionali rispetto a quelli del Nord nell’accesso alle risorse del Fondo di solidarietà comunale. Dalla Calabria la cronaca di quello che sta accadendo. Dal 2011 è iniziata l’applicazione della riforma... di DOMENICO CORTESE

Brasile, Lula potrebbe tornare libero. La Corte suprema di Brasilia: "Non può essere privato della libertà prima della fine dei gradi di giudizio"
I legali di Luiz Inacio Lula da Silva oggi stesso presenteranno una richiesta di immediata scarcerazione per l'ex presidente del Brasile, agli arresti dal marzo 2018 presso la sovrintendenza della polizia federale a Curitiba in seguito a una condanna per corruzione e riciclaggio di denaro. La notte scorsa la Corte suprema di Brasilia ha deciso con 6 voti favorevoli e 5 contrari che un imputato...