Sabato 30 Agosto 2014 - Ultimo aggiornamento 09:54
Logo ControLaCrisi.org
Filtra per luogo...
Filtra per tema...
Filtra per data ...
Nascondi
NON CI SONO PIU' MORTI BIANCHE
DI LUCIANO GALLINO La sentenza a carico dei dirigenti della ThyssenKrupp è molto dura. Su un punto fondamentale, quello di giudicare gli investimenti in tema di sicurezza consapevolmente non effettuati come prova di omicidio volontario da parte dell'amministratore delegato, la Corte ha accolto in pieno le richieste dell'accusa. Come si aspettavano familiari e compagni delle vittime. Condannando la massima autorità dell'impresa al massimo della pena proposta dai Pm, sedici anni, e cinque dirigenti a pene che vanno da dieci anni - un anno in più rispetto alla richiesta - a tredici e mezzo, la...
"Il lavoro non è solo profitto in fabbrica niente sarà come prima"
Il segretario Cgil Camusso: sentenza storica per la sicurezza. È una decisione giusta: per la prima volta un dirigente viene condannato per omicidio volontario C´è in Italia una deriva culturale che porta a sostenere che nelle aziende si possa fare a meno dei diritti ROMA - «Questa sentenza dice una cosa precisa: la vita di un lavoratore non si può trasformare in profitto. Non so se sia una...

Le sette vite spezzate che hanno sconfitto la multinazionale
Così le ragioni delle vittime si sono imposte ai giudici. La ThyssenKrupp è un colosso che mette soggezione a cominciare dal nome. I magistrati hanno deciso alla fine che i tedeschi sapevano cosa accadeva in quell´impianto TORINO - Antonio, ti avevano proprio ammazzato. Roberto, eri morto per niente e non per caso. Angelo, è come se ti avessero accoltellato. Bruno, ti accadde quello che...

È «omicidio volontario»
Sedici anni e mezzo all’amministatore delegato della Thyssenkrupp, il tedesco Harald Espenhahn, per il rogo che la notte del 6 dicembre 2007 uccise sette operai: ma, soprattutto, secondo i giudici della Corte di Assise di Torino fu «omicidio volontario». Una sentenza storica quella emessa ieri davanti alle famiglie delle vittime, che avevano atteso una intera giornata, augurandosi finalmente...

ThyssenKrupp: «Fu omicidio volontario»
L'amministratore delegato della ThyssenKrupp è stato condannato dalla Corte di Assise di Torino a 16 anni e mezzo di reclusione. Accolte le richieste dell'accusa per tutti gli imputati. Nel 2007 la strage dei sette operai. La difesa annuncia il ricorso di D.O., rassegna.it L’amministratore delegato della ThyssenKrupp Harald Espenhahn è stato condannato dalla Corte di Assise di Torino a 16 anni e...

Il più feroce fra i serial killers. Il lavoro assassino: nel primo trimestre +25% morti
Dopo la flessione del 2010 (-6,9%) ricomincia a crescere il numero di infortuni mortali sul lavoro. Sono stati 125 tra gennaio e marzo 2011, contro i 91 del 2010. Un morto su tre nel weekend. Lo rivela uno studio di Vega Engineering Tornano ad aumentare in maniera consistente le morti sul lavoro. Nei primi tre mesi del 2011 se ne sono registrate 114, contro le 91 del primo trimestre 2010. In...

ThyssenKrupp, un fuoco ancora acceso. La strage, il processo. Una ricostruzione dei fatti
Le tappe principali del procedimento: le carenze della sicurezza, la corsa a risparmio della multinazionale, i controlli Asl annunciati, gli estintori irregolari. La difesa insiste sugli errori degli operai. Una tragedia che ha segnato l'immaginario di Emanuele Di Nicola, rassegna.it E' la notte tra il 5 e 6 dicembre 2007. Nello stabilimento ThyssenKrupp di Torino avviene un incidente: da una...

Rogo alla ThyssenKrupp, è attesa per la sentenza
Più che mai peserà come un macigno, nell'aula della corte d'Assise di Torino dove è attesa la sentenza per il rogo alla Thyssen divampato nella notte del 6 dicembre 2007, l'assenza dei sette operai morti bruciati. Nella novantina di udienze che dal 15 gennaio 2009 si sono succedute tra lacrime dei parenti, manifestazioni di solidarietà di chi da fuori ai cancelli reclamava giustizia e un serrato...

I PROFITTI DEI PADRONI SUL SANGUE DI CHI LAVORA. A CASERTA MUORE UN ALTRO EROE
E se invece di piangere ogni giorno la nostra gente facessimo uno sciopero generale contro questa strage? E' chiedere troppo? INCIDENTI LAVORO: MORTO TRAVOLTO DA LASTRA NEL CASERTANO (ANSA) - NAPOLI, 13 APR - Incidente mortale sul lavoro nel Casertano, a Santa Maria Capua Vetere: un uomo di 42 anni è morto. Secondo una primissima ricostruzione, l'uomo, di Santa Maria la Fossa (Caserta), sarebbe...

incidente saras: sotto sequestro sito infortunio mortale
I carabinieri della compagnia di Cagliari hanno posto sotto sequestro nel pomeriggio il sito all'interno della raffineria Saras di Sarroch (Cagliari) dov'e' avvenuto l'infortunio costato la vita a un operaio di una ditta d'appalto siciliana. Su disposizione del pm della procura di Cagliari, Emanuele Secci, al quale e' stata assegnata l'inchiesta, i militari hanno sequestrato la colonna in cui...